This post is also available in: English

Sentiamo la parola trend continuamente: il trend musicale, il trend della moda, il trend nel settore design. Siamo costantemente alla ricerca di nuovi trend, cerchiamo di indovinare il colore dell’anno, vogliamo scoprire per primi quale sarà l’animale più trendy dei prossimi 10 anni.

Il premio per questa scoperta non c’è, se non la possibilità di dire io l’avevo detto.

Ma che cos’è davvero un trend?

Dizionario alla mano, nel linguaggio statistico, con riferimento a fenomeni demografici, un trend è una qualsiasi tendenza di lungo periodo […] Per estensione un trend è una tendenza, un orientamento, un indirizzo, anche con riferimento a fatti e fenomeni non strettamente economici.

Cemento e legno, Biscay Bay, Black Lines sono micro-trend, o potremmo chiamarli trend stilistici: ci raccontano i gusti del momento, i colori più amati, i materiali che più ci rappresentano o ci affascinano. Ma non parlano davvero di noi.

Il trend davvero interessante è quello che ci dice qualcosa sul modo di vivere delle persone, sulle loro necessità e sul loro stile di vita.

Ho individuato quelli che secondo me sono i tre trend da considerare oggi per progettare le case di domani.

1. Tutto intorno a me

Sedia sospesa in rattan o vimini

La casa è fatta per chi la abita. Punto. Questo trend non ha bisogno di spiegazioni. C’è l’uomo, ci sono le sue necessità, e nient’altro. Non siamo più disposti a vivere scomodi, non siamo più disposti a rinunciare a ciò che ci piace davvero. La progettazione d’interni è estremamente legata all’ascolto, alla cura dell’uomo e delle sue necessità.

2. Senza fissa dimora

Il lavoro fisso, il posto fisso, la città fissa: i giovani d’oggi non guardano più a questo. O almeno la maggior parte di loro. Siamo abituati a case piccole, a lavorare sullo stesso tavolo su cui mangiamo pranzo. Sappiamo mandare mail al bar, progettare case in un caffè. Dateci un wi-fi e cambieremo il mondo. Forse.

3. In silenzio

Siamo costantemente connessi con il resto del mondo. Viviamo contemporaneamente la vita reale e quella virtuale. Non abbiamo orari lavorativi. Tutto questo è bellissimo, ma a volte abbiamo bisogno di fermarci. Da qualche parte in casa ci deve essere un nido, un posto dove è possibile lasciare fuori tutto il resto. Abbiamo bisogno di silenzio, abbiamo bisogno di vuoto, abbiamo bisogno di mancanza di informazioni.

Questo post è parte della Design Blogger Competition organizzata da CGTrader

 

Share: