This post is also available in ENGLISH

Ci sono invenzioni che cambiano il modo di pensare e di concepire la vita. Il divano Sity di Antonio Citterio è uno di questi.

Nasce nel 1986, da un progetto per B&B, per cui Citterio collabora ancora attualmente. Laureato nel 1975 in architettura al Politecnico di Milano, tra il 1987 e il 1996 si associa con Terry Dwan. Nel 1999 fonda la Antonio Citterio and Partners insieme a Patricia Viel, con sede a Milano e ad Amburgo.

sity citterio b&b icona del design

via elledecor.com

Sity

Sity è il divano che meglio rappresenta l’essenza di progettista di Antonio Citterio: è stato concepito come un insieme di moduli componibili, ma che costituiscono una struttura unica e armoniosa nell’insieme. Gli elementi centrali sono una struttura rettilinea e una ricurva e una dotata di chaise longue. Esistono poi un’altra ventina di pezzi assemblabili che possono essere aggiunti su richiesta al nucleo di base. Ma ciò che più emerge come carattere innovativo è come la forma influisce sul modo di concepire il divano.

sity citterio b&b icona del design

Nuovi significati

Sity nasce negli anni Ottanta: il muro di Berlino è da poco crollato, l’Europa si sta aprendo al mondo globalizzato con il conseguente passaggio per il design italiano alla dimensione mondiale. Anche le logiche dell’abitare stanno cambiando e Sity ne incarna la novità. Quella forma allargata che permette di allungare le gambe e distendersi è sintomo di un cambio di punto di vista: il divano e la zona living non sono più asettico e formale luogo di rappresentanza, bensì una stanza da vivere, in cui rilassarsi assieme alla propria famiglia o al proprio partner. Sity si inserisce nel salotto come un’integrazione armonica dello spazio: ampio e confortevole, il divano cambia faccia. Rappresenta un coraggioso passo in avanti nella ricerca di un sistema di sedute concepito come una struttura flessibile e disarticolabile, in grado di ristrutturare la nuova complessità del panorama abitativo.

sity citterio b&b icona del design

 

Quella che fornisce Citterio è una lettura lucida della nuova concezione di casa, che innesca a sua volta un cambio di significato negli oggetti. Non è forse questo il ruolo del design? Comprendere la realtà e presentare un oggetto che vi si adatti e che risponda alle esigenze ancora sopite di chi questa realtà la abita.

>>> ti interessa la storia di altre icone del design?