Volendo fare un rapido riassunto a due mesi dall’inizio dell’anno, se il colore del 2018 è il rosa, il metallo è l’oro (o l’ottone), la forma è lo stadium, il tessuto di questo 2018 è sicuramente il velluto.

Da qualche anno tornato di moda nel mondo del fashion, il velluto è certamente il tessuto di tendenza per questo 2018.

Sarà grazie al suo effetto cangiante, o alla forte morbidezza che lo contraddistingue, ma tra IMM Colonia e Maison&Objet, il velluto per arredamento era ovunque, negli imbottiti e non solo.

velluto per arredamento trend 2018 interior design moodboard

Così, come ti raccontavo in questo articolo, a Maison&Objet mi sono fermata a chiacchierare con Paola, Barbara e Federico de L’Opificio e ho cercato di capire qualcosa in più su questo tessuto così particolare.

Non sono molte le aziende che producono il velluto, in particolare quello di seta, e così poter imparare qualcosa su questo tessuto direttamente da chi lo produce è stato per me un importante privilegio.

Ecco cosa ho scoperto.

Lo sapevi che…

Che cos’è il velluto?

Il velluto è un tessuto che presenta un fitto pelo sulla faccia del dritto o una serie di minuscoli anelli. Quella del velluto è una peluria corta, molto fitta e morbida, piacevole al tatto e alla vista grazie ai suoi riflessi cangianti.

Insomma, il velluto è un tessuto a tutti gli effetti, la cui tessitura avviene in modo molto particolare.

Com’è realizzato il velluto?

Per realizzare il velluto unito, ovvero il velluto più utilizzato in arredamento, l’anello che viene formato dall’ordito di pelo viene bloccato nello stesso passo e successivamente tagliato in alto con una lama (l’operazione è detta cimatura).

Oggi il velluto è realizzato come un tessuto doppio (due strisce di tessuto una sopra e una sottostante collegate dall’ordito di pelo) e quando questo viene tagliato dalla lama il tessuto doppio si divide in due e viene arrotolato su due tubi diversi).

>> Per saperne di più, leggi questo articolo de L’Opificio

Quali tipologie di velluto esistono?

Il velluto può essere realizzato a partire da diversi filati; quello originario è il velluto di seta, che è il più pregiato e che oggi viene prodotto soltanto da pochissime aziende, tra cui l’Opificio, appunto.

Accanto al velluto di seta, esistono il velluto di cotone, il velluto di lino e il velluto di Mohair: distinguere le tipologie di velluto non è affatto semplice.

In generale il velluto di seta e di viscosa sono i più brillanti, mentre il cotone e il lino conferiscono al velluto un aspetto più opaco, ma molto resistente.

Infine, il velluto in Kid Mohair è molto confortevole, robusto e ignifugo e da sempre è utilizzato per i rivestimenti di poltrone per i teatri.

Come si pulisce il velluto per arredamento?

Ovviamente ogni tipologia di velluto richiede una manutenzione diversa.

>> Per approfondire questo tema, leggi questo articolo de L’Opificio

Novità 2018 in VELLUTO | Interior trend 2018

Ecco in seguito le nuove proposte in velluto di alcune aziende viste a IMM Cologne e Maison&Objet.

velluto per arredamento trend 2018 interior design L'opificio

L’Opificio, che quest’anno compie vent’anni

velluto per arredamento trend 2018 interior design tavolo design gambe tessuto

Dante Good and Badsvelluto per arredamento trend 2018 interior design

&traditionvelluto per arredamento trend 2018 interior design

Gallotti & Radicevelluto trend 2018 interior design

Gallotti & Radice velluto trend 2018 interior design

Cappellinivelluto trend 2018 interior design

Cappellini

velluto trend 2018 interior design

ENOstudiovelluto trend 2018 interior design

&tradition

velluto per arredamento trend 2018 interior design

Gallotti e Radice

velluto trend 2018 interior design

Muutovelluto trend 2018 interior design

&tradition

velluto trend 2018 interior design

Muutovelluto trend 2018 interior design

Gallotti&Radicevelluto trend 2018 interior design

Dante Goods and Badsvelluto trend 2018 interior design

Gallotti & Radice

SalvaSalva

SalvaSalva