POP | JUST FOR ONE DAY

A inizio anno l’Opificio, azienda tessile torinese che produce ed esporta tessili di alta qualità in tutto il mondo, mi ha chiesto di interpretare i suoi tessuti con quattro moodboard ispirazionali.

Ovviamente il mio primo pensiero è stato: “e adesso come faccio a scegliere soltanto quattro temi?”

Seguito da: “adesso vado in showroom e prendo tutti gli scampoli che sono in grado di trasportare.”

Dopodiché mi sono data una calmata e ho deciso che avrei provato a interpretare quelli che secondo me sarebbero stati i trend del 2018.

Non mi riferisco ai microtrend, ovvero alle tendenze di interni come rosa shim, stadium, velvet o gold, di cui ho molto parlato, ma piuttosto alle macrotendenze che coinvolgono più di un settore della nostra vita.

Ho iniziato con Ultraviolet, colore che incarna il cosmo e la voglia di sognare, la possibilità di evadere e la capacità di incuriosire e incuriosirsi.

Dopodiché ho pensato al Messico, che quest’anno è stato così presente nelle nostre vite da rendere l’Alpaca uno degli animali più cercati sul web.

E poi Oceanomare, il rispetto per il pianeta, la necessità di rendere il mare pulito, con tutto il suo sistema intatto, e di conseguenza la capacità di fare le cose per bene, con cura e attenzione.

L’ultimo trend che ho individuato, e di cui ti parlo oggi, è Pop, ovvero il ritorno al passato, agli anni ’70 e ’80, la voglia di far festa e la possibilità di di essere ciò che si vuole,  magari degli essere eroi, just for one day.

Pop | Trend d’interni 2018

moodboard pop eighties

A inizio anno avevo pensato a David Bowie, e alla sua Heroes, oggi invece mi ritrovo a pensare anche a Freddie Mercury e al film che racconta la sua vita, Bohemian Rapsody.

Gli anni sono gli stessi, la voglia di fare anche, il talento è il terreno comune.

Gli anni ’70 e gli anni ’80 sono i decenni a cui abbiamo guardato in questo 2018, e a cui guarderemo nei prossimi mesi, tra giacche a spalle larghe e vestiti optical.

Nell’interior design, questa tendenza si esprime con il ritorno del rosso, che negli ultimi anni era scomparso e sin dai primi mesi del 2018 sembra essere tornato, accostato ai colori della terra, al rosa o al black and white, che rende impeccabile il contrasto.

Ho deciso di raccontare questo contrasto, in perfetto pop style: ho immaginato un appartamento luminoso, nel quale bianco, nero e rosso potessero rappresentare una palette senza un vero e proprio colore dominante.

l’Opificio

Dalla collezione l’Opificio ho scelto:

  • il velluto di seta in rosso
  • il tessuto Euphoria Polka Dots, perché i pois di Roy Lichtenstein non posso mancare se si parla di pop
  • il tessuto Parlapà Vantaj in due versioni entrambe rosse, uno dei miei tessuti preferiti de l’Opificio
  • i tessuti Vision, nella versione in toni di grigio, che rivisita il tessuto optical con una macro texture geometrica
  • il tessuto Resident, nella versione Eshu e Graph, una collezione affascinante e tridimensionale

>>> potrebbe interessarti anche: VELLUTO | INTERIOR TREND 2018

Pop Art

Non riesco a dire la parola pop senza pensare alla pop art, a come il mondo e il concetto di estetica siano cambiati grazie ad artisti come Andy Wahrol, Keith Haring e Jean Michel Basquiat.

Penso al valore dell’arte e all’importanza di renderla pop, accessibile a tutti: e mentre scrivo mi viene in mente l’opera d’arte di cui quest’anno abbiamo sicuramente sentito parlare di più.

La Baloon Girl di Banksy, ovvero il quadro che si è semi autodistrutto durante l’asta di Sotheby’s a Londra.

Ancora una volta, i colori ritornano: sono il bianco, il nero e il rosso; così come la capacità di un artista di far parlare di sè.

Forse davvero POP è stata una tendenza di questo 2018.

Durerà?

Io penso di sì.

Scritto da |2018-11-30T15:02:46+00:00dicembre 3rd, 2018|Categorie: INTERIOR|Tags: , , , |0 Commenti

Conosci l'autore:

Carlotta è un'ingegnere edile che ha deciso che nella sua vita vuole occuparsi di interior design. Lo fa progettando case e esercizi commerciali, scrivendo sul suo blog e occupandosi della comunicazione di aziende del settore.

Lascia un commento